| FACCIAMO IL PUNTO | : Pennelli makeup

July 5, 2016

Le caratteristiche 

I pennelli da trucco professionali devono racchiudere una serie di caratteristiche a mio parere fondamentali per essere considerati funzionali e soprattutto di qualità:

  • Setole: devono essere compatte proprio per consentire un maggior controllo del prodotto durante l’applicazione. Se sono troppo morbide tendono a spargere polveri o prodotti fluidi in maniera poco precisa, rischiando, soprattutto se parliamo di sfumature sulla palpebra, un risultato tutt’altro che pulito. Inoltre, un valido pennello dovrebbe resistere adeguatamente ai lavaggi senza perdere peli o colore.

  • Impugnatura: deve essere ben solida alla base delle setole, ben rifinita proprio per resistere ai frequenti contatti con l’acqua dovuti ai lavaggi necessari per un’igiene corretta. I pennelli low cost tendono inevitabilmente a scollarsi.

 

 

Quali setole?

Personalmente prediligo le setole naturali in quanto sono perfette per le polveri e grazie proprio alla struttura che le caratterizza, del tutto simile a quella dei nostri capelli, consentono di raccogliere e distribuire il prodotto in maniera uniforme, sfumarlo con maggior facilità e precisione: certo, richiedono una cura maggiore, vanno sempre detersi con sapone neutro e lasciati asciugare all’aria per evitare che si deformino o perdano la naturale compattezza, ma vi garantisco che la differenza si nota.

Le setole sintetiche sono maggiormente adatte per i prodotti fluidi e cremosi, perché, data la compattezza e la durezza tipica, non solo facilitano l’applicazione, ma sono anche molto più semplici da detergere in quanto i pigmenti tendono a scivolare via senza la necessità di sfregarle troppo.

Insomma, ogni tipologia ha i suoi vantaggi e svantaggi: l’ideale per me è avere sempre nel proprio kit sia pennelli trucco professionali sintetici che in setole naturali in modo da poter scegliere in base alle necessità che richiede il trucco che si andrà a realizzare.

Normalmente quelli che sono per definizione pennelli da trucco professionali sono tipicamente in martora, proprio perché la struttura e la porosità delle setole consentono di catturare meglio il prodotto e distribuirlo perfettamente nel momento dell’applicazione. Ovviamente questa tipologia risulta più costosa, ma qualitativamente è superiore: se invece vogliamo puntare su qualcosa di più economico possiamo sicuramente scegliere quelli in pelo di capra o di pony, perfetto nei pennelli da viso.

 

 

 

Gli indispensabili

1) Pennello viso: il classico pennello per cipria e polveri libere. Deve essere preferibilmente a sezione tonda per consentire un’applicazione omogenea ed aerata del prodotto, e possibilmente piuttosto grande per facilitare i movimenti rotatori con cui andremo ad agire. 

2) Pennello da correttore: si utilizza per applicare il correttore sia sulle occhiaie che per minimizzare eventuali imperfezioni. Deve essere di media grandezza e a punta tonda con setole preferibilmente rigide e compatte proprio per incrementare la coprenza del prodotto grazie ad un’applicazione uniforme e mirata. 

 3) Pettine per ciglia e sopracciglia: uno strumento molto spesso sottovalutato ma utilissimo sia per dare forma alle sopracciglia prima di fissarle con una cera, sia per pettinare le sopracciglia dopo l’applicazione del mascara, al fine di separarle ed eliminare eventuali depositi di prodotto. In questo caso, per quanto riguarda i brand da consigliare, penso di poter dire che dato il tipo di strumento uno vale l’altro: non serve che sia particolarmente costoso proprio perché non è un pennello che richiede una performance estremamente elevata.

4) e 5) Pennelli per ombretti: vengono chiamati anche a “lingua di gatto” proprio per la caratteristica forma che li contraddistingue. È sempre bene averne di misure differenti proprio per assecondare la tipologia di makeup che andremo a realizzare, adeguandoci a superfici cutanee più o meno ampie. Devono essere soffici ma non esageratamente proprio per consentire una più efficace applicazione del prodotto. In questo caso consiglio sempre le setole naturali, martora preferibilmente, perché realizzare un makeup occhi perfetto dipende in gran parte dai pennelli di cui decidiamo di avvalerci. 

6) Pennello per eyeliner a taglio obliquo o angolato: Si tratta di un pennello piatto con taglio trasversale, ideale per l’applicazione di eyelinerin gel o per definire le sopracciglia. Il taglio angolato garantisce la creazione di tratti grafici modulabili a seconda della pressione che eserciteremo con la mano. 

7) Pennello per eyeliner classico: si tratta di un pennellino estremamente sottile ma utile se siamo solite applicare eyeliner liquidi o in gel particolarmente fluidi. Consente di creare un tratto sottile e molto preciso. In questo caso, mi sono affidata ad un pennellino n.00 da modellismo preso in un negozio di “belle arti” e vi garantisco che non esiste nulla di meglio!

8) Pennello labbra: nell’immagine potete vedere la versione retraibile che io utilizzo per provare i tester nelle profumerie, comodo da riporre in borsa. Si tratta di un pennello di forma triangolare con setole particolarmente compatte, utile per applicare il rossetto in modo preciso e definito evitando sbavature. 

 

I pennelli utili

Vediamo invece una panoramica di pennelli trucco professionali utili, cioè che sarebbe preferibile possedere ma pur sempre non indispensabili

1) e 2) Pennelli da contouring: sono i classici pennelli ideali per creare luci ed ombre sul viso. Devono essere estremamente soffici per consentire una perfetta sfumatura e grandi all’incirca come una moneta da due euro che rappresenta la dimensione ideale proporzionata ai tratti del viso. In particolare, il pennello angolato è perfetto per applicare le polveri nella zona zigomatica o per definire al meglio le guance. 

3) Kabuki: uno tra i pennelli senza dubbio più particolare. Piccolo nelle dimensioni ma estremamente denso di setole, viene comunemente utilizzato sia per l’applicazione di terre abbronzanti che di fondotinta minerali in polvere libera proprio perché la sofficità delle setole garantisce una stesura perfetta ed omogenea. 

4) Pennello di precisione: piccolo e solitamente a sezione tonda, è utile per operare su zone di precisione in maniera mirata, ad esempio negli angoli dell’occhio. Le setole devono essere corte e compatte.

5) Pennello penna: simile a quello di precisione, si differenzia da esso per le dimensioni. Perfetto per creare sfumature all’interno della piega palpebrale consentendo un’applicazione del prodotto focalizzata su di un punto preciso. 

6) Pennello da sfumatura: personalmente non potrei farne a meno. Si tratta di un pennello strutturato per sfumare adeguatamente gli ombretti. Le setole morbide e lunghe, non particolarmente fitte, gli consentono di svolgere tale funzione in maniera precisa ed adeguata. 

7) Pennello a ventaglio. Due sono le funzioni che lo caratterizzano: eliminare le polveri residue dovute al fall out dal viso senza intaccare il makeup, o in alternativa applicare il blush in maniera estremamente leggera e naturale. Non è indispensabile ma è sicuramente utile soprattutto se amiamo gli smokey eyes!

 

 

Cura e manutenzione

È importante, per garantire una durata prolungata nel tempo, curare e prestare attenzione a come utilizziamo i nostri pennelli trucco professionali. L’igiene è fondamentale perché dobbiamo sempre ricordarci che essi entrano in contatto con il nostro viso, gli occhi e le mucose, quindi possono essere veicolo di infezioni e contaminazioni batteriche. È pertanto consigliabile lavarli dopo ogni utilizzo con sapone neutro, delicato o di Marsiglia avendo cura di massaggiarli delicatamente fino a rimuovere ogni traccia di trucco, per poi risciacquarli abbondantemente seguendo il verso delle setole (per intenderci, sciacquateli capovolti sotto al rubinetto).

Per quanto riguarda l’asciugatura, assicuriamoci di aver composto e compattato le setole eliminando l’acqua in eccesso, e lasciamoli esposti all’aria avendo cura di utilizzare una salvietta per i manici, affinché con l’umidità non si scollino.

Se invece necessitate di una pulizia estremamente rapida ma da praticare sporadicamente per non rovinare le setole, è possibile utilizzare l’Avio, una sorta di solvente che elimina ogni residuo di trucco, evaporando rapidamente, ad un prezzo decisamente molto contenuto.

Esistono poi numerosi brush cleaner, prodotti specifici in versione spray per lavare istantaneamente i nostri pennelli, efficaci si, ma ad un costo un po’ più elevato.

Insomma, questi sono i pennelli trucco professionali che a mio parere possono caratterizzare un ottimo kit da utilizzare sia per trucchi easy, che per lavori particolarmente strutturati. I prezzi variano in base al brand, ma ritengo che sia meglio fare un investimento unico che duri nel tempo, piuttosto che trovarci costrette a dover ricomprare più volte gli stessi pennelli perché non ne siamo sufficientemente soddisfatte.

  • di Veronica Bufano | Estetista e beauty blogger | https://www.facebook.com/PolveredistelleMakeUp

Please reload

Post in evidenza
Post recenti

September 25, 2019

March 5, 2019

Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per tag
Please reload

Seguici
  • Facebook Basic Square