Le regole d'oro!!

Aggiornato il: 5 giorni fa


Si fa presto a dire ombretto! In commercio ne esistono davvero tantissimi e spesso ci troviamo a scegliere non solo tra tantissimi colori ma anche tra tante texture e finish.

Non si tratta di una semplice questione di gusto. Scegliere un ombretto dalle caratteristiche giuste potrebbe essere la chiave vincente per definire ed esaltare la forma dell’occhio. Per districarti nella giungla degli ombretti potrai trovare qui di seguito le diverse tipologie per capire come puoi regolarti e soprattutto comprendere bene le differenze.

Texture: ovvero la composizione dell’ombretto, può essere in polvere, in crema o liquido. Ma che differenza c’è tra questi ombretti e come vanno utilizzati?


I più famosi sono i classici ombretti in polvere possono essere più o meno scriventi, in base alla concentrazione di pigmento al loro interno ma, in linea di massima, danno il loro meglio se applicati su una superficie cremosa (primer occhi o ombretto in crema) che li farà aderire bene alla palpebra, oppure se stesi con un pennello inumidito.


Veniamo invece agli ombretti in crema che possiamo trovare in formato stick, matitone o in jar. Gli ombretti in crema hanno il pregio di essere molto pigmentati ed avere colori brillanti e riflettenti, inoltre sono molto facili da sfumare, anche con i polpastrelli. Il loro principale difetto invece è quello di tendere ad accumularsi nelle pieghe della palpebra se non vengono tamponati. È quindi molto importante fissarli bene applicandoci sopra un ombretto in polvere dello stesso colore o un velo di cipria trasparente.


In ultimo i meno diffusi ombretti liquidi che troviamo solitamente in piccoli tubetti in plastica. Sono un mix tra un ombretto in polvere e uno in crema in quanto hanno una consistenza cremosa ma, una volta applicati, asciugano diventando quasi polveri. Hanno il pregio di avere colorazioni molto intense e brillanti ma vanno sfumati velocemente con un pennello a setole morbide prima che asciughino.

Finish: ovvero l‘effetto che l’ombretto avrà sulla palpebra, può essere opaco, perlato, satinato o metallizzato. Ma qual è la differenza fra i vari finish e quale scegliere?

Gli ombretti opachi o mat nonostante rappresentino “il classico ombretto” non sono quelli più diffusi.

Caratteristiche: questa tipologia di ombretto è caratterizzata dalla completa assenza di pigmenti che riflettono la luce; non hanno assolutamente un effetto brillante.

Quando utilizzarlo: è consigliato l’uso di un ombretto opaco nel caso in cui non si vogliono mettere in evidenza particolari inestetismi della pelle, come palpebre segnate o poco toniche, oppure quando si vuole correggere un po’ la forma dell’occhio. Sono ombretti molto versatili e perfetti con la luce diurna perché risultano più discreti degli ombretti brillanti. Sono particolarmente indicati per occasioni formali come esami universitari o colloqui di lavoro o comunque per tutte quelle occasioni in cui si vuole apparire sobrie ed eleganti. Stanno bene su qualsiasi occhio, specialmente sugli occhi che presentano qualche piccola rughetta, perché il finish mat non andrà ad evidenziarle.

Quando non utilizzarlo: assolutamente sconsigliato utilizzare ombretti opachi in caso di pelle spenta, opaca o che tende al grigio. Queste sono tutte caratteristiche che danno un’aria stanca al tuo viso e l’uso di ombretti senza riflessi luminosi renderebbe ancora più visibile questo aspetto.

Gli ombretti brillanti o shimmer sono, senza dubbio, gli ombretti più diffusi in commercio. Se ne trovano di tutti i colori e spopolano tra le ragazze più giovani.

Caratteristiche: gli ombretti perlati sono caratterizzati, al contrario di quelli opachi, dalla presenza di pigmenti perlescenti che riflettono la luce. Sono pertanto ombretti molto luminosi e brillanti. Sono più facili da sfumare rispetto agli ombretti mat perché, riflettendo la luce, creano uno stacco di colore meno netto rispetto agli ombretti completamente opachi.

Quando utilizzarlo: va benissimo adoperare questo tipo di ombretto quando hai bisogno di rendere più ampio e luminoso l’occhio. Ideale quindi nel caso di occhi piccoli o infossati.

Sono molto belli con le luci artificiali, quindi particolarmente adatti ad occasioni notturne come cene, feste, serate in discoteca.

Quando non utilizzarlo: al contrario, se hai gli occhi sporgenti o tondi, evita di applicare sulla palpebra mobile ombretti perlati. Questi, riflettendo la luce, non faranno che ampliare ancora di più la superficie dell’occhio, rendendo più evidente il difetto.

Una via di mezzo tra ombretti opachi e brillanti sono gli ombretti satinati.

Caratteristiche: Presenta leggeri riflessi luminosi, ma sempre molto delicati. Sono ombretti che riflettono la luce in quantità minima, danno appena un po’ di luminosità alla palpebra ma senza essere troppo vistosi.

Quando utilizzarlo: date le sue caratteristiche è l’ideale da utilizzare di giorno se si vuole dare un tocco brillante senza esagerare o in occasioni particolari come ad esempio cerimonie. Inoltre è perfetto anche su palpebre segnate, a patto che i colori non siano troppo chiari. Sono adatti a tutte le donne e a tutte le situazioni, diurne o notturne, perché rappresentano un perfetto compromesso tra l’eleganza degli ombretti mat e la luminosità di quelli shimmer.

Quando non utilizzarlo: non ci sono particolari indicazioni che non raccomandano l’utilizzo dell’ombretto satinato. Anzi, proprio perché unisce le caratteristiche di quello opaco e di quello perlato, può essere utilizzato praticamente sempre.

Gli ombretti metallizzati sono gli ultimi nati: difficile sbagliare con loro se vuoi un look che si noti.

♦ Caratteristiche: presentano in genere dei riflessi argentati/perlati molto decisi, da qui il nome del loro effetto, che sembra proprio “metallizzato”.

♦ Quando utilizzarlo: gli ombretti metallizzati non sono per tutte, specialmente i colori più scuri e intensi. Vanno saputi gestire e sono perfetti da accostare anche ad ombretti opachi per creare un forte contrasto.

♦ Quando non utilizzarlo: meglio evitare di utilizzare gli ombretti metallizzati se non si è più giovanissime o non piacciono gli ombretti dall’effetto deciso.


Contattaci e conoscerai altre curiose storie del mondo del Make Up.


lo staff di BBM Esthetique

0 visualizzazioni